lunedì 2 novembre 2020

review tour TENEBRE E OSSA

Buongiorno readers, oggi ospitiamo la tappa del REVIEW TOUR dedicato a "TENEBRE e OSSA" di Grisha Verse.

TRAMA

L'orfana Alina Starkov non ha grandi ambizioni nella vita, le basterebbe fare al meglio il suo lavoro di apprendista cartografa nell'esercito di Ravka, un tempo nazione potente e ora regno circondato dai nemici, e poter stare accanto al suo buon amico Mal, il ragazzo con cui è cresciuta e di cui è innamorata da molto tempo. Ma il destino ha in serbo ben altro per lei. Quando il loro reggimento attraversa la Faglia d'Ombra, la striscia di oscurità quasi impenetrabile che taglia letteralmente in due il regno di Ravka, lei e i suoi compagni vengono attaccati dagli esseri spaventosi e affamati che lì dimorano. E proprio nel momento in cui Alina si lancia in soccorso dell'amico Mal ferito gravemente, in lei si risveglia un potere enorme, come una luce improvvisa e intensa in grado di riempirle la testa, accecarla e sommergerla completamente. Subito viene arruolata dai Grisha, l'élite di creature magiche che, al comando dell'Oscuro, l'uomo più potente di Ravka dopo il re, manovra l'intera corte. Alina, infatti, è l'unica tra loro in grado di evocare una forza talmente potente da distruggere la Faglia e riunire di nuovo il regno, dilaniato dalla guerra, riportandovi finalmente pace e prosperità. Ma al sontuoso palazzo dove viene condotta per affinare il suo potere, niente è ciò che sembra e Alina si ritroverà presto ad affrontare sia le ombre che minacciano il regno, sia quelle che insidiano il suo cuore.

RECENSIONE

Eccomi qui, finalmente ho letto questo libro di cui tanto avevo sentito parlare ma devo dire che non rispecchia molto i miei gusti.

Non so se perché l'ho trovato scontato o perché ad oggi non trovo più questo genere vicino a me. 

Mi spiego meglio, perché questo è un libro che probabilmente avrei amato qualche anno fa, magari tra i 15 ai 20 ecco, visto lo stile di scrittura e la storia com'è sviluppata. 

Sicuramente è scritto molto bene e i personaggi sono ben caratterizzati ma non credo sia la serie migliore della scrittrice. 

La lettura però non è stata pesante ed è andata avanti velocemente nonostante non sia molto vicina al mio genere e questo però penso sia colpa del mio essere andata avanti con l'età e sono mutati anche i miei gusti. 

Detto ciò consiglio il libro a quella fascia di età che va dai 15 ai 25 anni circa perché sicuramente lo amerete e trovo affrontato bene il tema del credere. 

Voto: BUONO 

Seguite le prossime tappe

venerdì 30 ottobre 2020

Review tour: il grande libro dei racconti di Sherlock Holmes


Buongiorno a tutti readers, oggi siamo qui per ospitare una tappa del review tour dedicato a "il grande libro dei racconti di Sherlock Holmes" edito dalla Oscar Mondadori Vault.

Dati

Autore: autori vari

Editore: Oscar Mondadori Vault

Genere: racconti brevi, giallo

Collana: Draghi

Data di uscita: 27 ottobre 2020

Pagine: 1008 pagine

TRAMA

Il più grande investigatore di tutti i tempi vide la luce dalla penna di Sir Arthur Conan Doyle nel 1887 ed è stato protagonista di quattro romanzi e oltre 50 racconti, che non sono bastati a narrarne tutte loe vicende. Quella lacuna viene colamta da altri scrittori tutti di grande calibro che si sono cimentati con il personaggio da cui è nata la letteratura poliziesca. Da Neil Gaiman a Stephen King, passando per Anne Perry, Antony Burgess e molti altri, sono in tanti ad aver voluto regalare nuove vite all’investigatore di Baker Street. I loro racconti sono riuniti in questo imperdibile volume.

Recensione

Inizio subito con il dirvi che abbiamo suddiviso le tappe del tour in sezioni e io oggi mi occuperò di "tenere viva la memoria" e "sembra divertente?" 

All'inizio della sezione TENERE VIVA LA MEMORIA, troviamo scritto questo:

La lista delle donne e degli uomini eminenti che hanno dimostrato grande affetto per “l’uomo migliore e più saggio che abbiano mai conosciuto” (per citare il dottor Watson) è illimitata. Pur avendo beneficiato di fortunate carriere in altri campi, spesso hanno avuto Holmes al proprio fianco, e quelli di loro dotati di sufficiente talento hanno riconosciuto quel vincolo mettendolo sucarta.

Questo perché la figura di Sherlock Holmes è si particolare ma anche ammirata da moltissime persone per il suo essere. 

I racconti che troviamo qui sono:

1.Lo strano caso dei furti al Megatherium S.C. Roberts 

2.Il nobile marito Peter Cannon

3.Una serata con Sherlock Holmes William O. Fuller 

4.La scatola di legno Leslie S. Klinger 

5.La mano invisibile Donald Thomas 

6.Il brigantino abbandonato Sam Benady 

7.Il canarino curioso Barry Day 

8.L’iconografo assassinato Frederic Dorr Steele 

9.Lo scandalo della sostituzione di Darlington David Stuart Davies 

10.Il problema delle macule viola James C. Iraldi 

Il mio preferito tra questi è stato "Una serata con Sherlock Holmes William O. Fuller" perché diciamoci la verità, sogniamo tutti una serata con lui, o almeno io perché l'ho sempre amato come personaggio. 

Nello specifico questo racconto si è fatto divorare e la lettura è stata appassionante, non vi specifico molto perché sono racconti alquanto brevi e se vi dovessi dire più del dovuto dopo vi rovinerei la lettura. 

In generale questa sezione dedicata a tenere viva la memoria di questo personaggio particolare, intelligente e unico mi è piaciuta molto e appassionata. 

Poi passiamo alla sezione SEMBRA DIVERTENTE? 

Inizialmente ad introdurlo troviamo scritto qiesto:

Scrivere un pastiche su un investigatore fin troppo noto, dal tono verosimile e incentrato su un autentico rompicapo, è estremamente difficile. È molto più facile ideare una parodia, che si concentra prevalentemente su un singolo elemento del protagonista anziché su una serie di caratteristiche. Ma scrivere un racconto davvero divertente può risultare l’impresa letteraria più ardua. Purtroppo, come vedrete, non tutti gli autori di questa sezione si sono dimostrati all’altezza della sfida, ma i loro lavori sono stati comunque inclusi qui per il valore storico di molti di essi. Fortunatamente, le peggiori parodie sono brevi.

I racconti contenuti sono:

1.Il secondo malloppo Robert Barr 

2.Ancora una volta, per pura fortuna Stanley Rubinstein 

3.Enigma pragmatico John Kendrick Bangs 

4.Herlock Sholmes ci riprova Anonimo 

5.Il delitto di Reigate Road Anthony Armstrong

6.La bellezza soccorsa William B. Kahn 

7.Il matrimonio di Sherlock Holmes Gregory Breitman

8.Il ritorno di Sherlock Holmes E.F. Benson - Eustace H. Miles 

9.Lo smascheramento di Sherlock Holmes Arthur Chapman

10. La collana di diamanti George F. Forrest 

11.La cravatta di Ascot Robert L. Fish

Qui la cosa si fa un pochino complicata perché devo ammettere di non aver amato molto i racconti in questa sezione e ne ho preferiti altri. 

Sicuramente scrivere di questa figura non è facile. 

Per esempio Lo smascheramento di Sherlock Holmes - Arthur Chapman fa parte di quelli che proprio non mi sono piaciuti per come lo raffigurano e poi la lettura mi ha annoiato ma grazie a Dio non essendo racconti lunghi ci sta che non tutto rispecchi i miei gusti.

Probabilmente è perché a me piace tantissimo Sherlock e lo vedo in modo differente.

In questa sezione quello che ho apprezzato di più è Enigma pragmatico John Kendrick Bangs. 

Questo libro lo consiglio agli amanti del del genere giallo ma anche della figura di Sherlock Holmes perché comunque si fa leggere velocemente e ti appassiona tra alti e bassi come un pochino tutte le raccolte di racconti.

Lo avete letto? Se si fatemi sapere i vostri racconti preferiti. 

Vi ricordo prima di terminare l'appuntamento di domani sul blog "toglietemi tutto ma non i miei libri"

#prodottofornitodaoscarvault che ringrazio per la gentile concessione. 

VALUTAZIONE: OTTIMO

lunedì 20 luglio 2020

SEGNALAZIONE: Porcellana di Maria Enea

Buongiorno readers, oggi vi segnalo il libro di Maria Enea, intitolato "Porcellana" edito da 0111 Edizioni.

Il libro in questione lo possiamo definire un romanzo storico ed è sicuramente molto interessante.


Link Amazon:CLICCA QUI!!!

SINOSSI

All’inizio del Settecento, la porcellana cinese è ambita da nobili e famiglie regnanti; ma la sua formula è
protetta dal segreto di stato da parte della Cina e vani sono tutti i tentativi per riprodurla. Un alchimista
tedesco, Bottger, viene arrestato a Dresda e condotto al palazzo reale dal re di Sassonia, convinto che egli
possa scoprirne la formula. Nel suo lavoro viene supportato dall’amico fisico Von Tschirnhaus. Tuttavia la
ricerca rimane infruttuosa finchè per caso i due non s’imbattono nella vicenda di una misteriosa donna
alchimista, Osmolinda, originaria delle Fiandre , morta più di un secolo prima . Osmolinda, bella, colta,
intelligente, amante del sapere, innamorata dell’Arte Regia, a suo agio nell’Officina alchemica, sarà la
protagonista di una intensa e dolorosa storia d’amore…

BIOGRAFIA

Maria Enea è nata a Palermo ed è laureata in lettere classiche. Sposata e madre di due figli,
insegna italiano e latino in un grande liceo palermitano. Appassionata di letteratura, arte, musica e
spettacolo, è sostenitrice attiva dei diritti delle donne. Ecologista convinta, amante della natura e
ciclista per diletto, è persuasa che ognuno debba fare la propria parte per salvare il mondo.
Compone da sempre versi e opere in prosa. Ha pubblicato per Antipodes la silloge poetica “Sale e
cioccolato”. E’ nella rosa dei finalisti al concorso 1 Giallo x 1000 indetto da Zerounoundici edizioni
con il romanzo “Porcellana.”

Presto lo inizierò così vi farò sapere ma del resto come sapete io amo gli storici.

giovedì 16 luglio 2020

SEGNALAZIONE: Jack e Rebecca di Demetrio Verbaro

Buongiorno readers, oggi vi segnalo il libro che ho attualmente in lettura.

L'autore è Demetrio Verbaro che molti di voi si ricorderanno oltre che per i suoi scritti anche per la sua partecipazione come campione al programma di Canale 5 "Caduta libera" condotto da Gerry Scotti.





DATI
Titolo: Jack e Rebecca
Autore: Demetrio Verbaro
Pagine:182
Prezzo: 11,90 Euro
Link Amazon: CLICCA QUI

SOCIAL AUTORE


SINOSSI

Jack è un ragazzo di Roma, Rebecca di New York.
Il destino li farà incontrare, il loro amore scoppierà nello stesso istante in cui i loro occhi
s’incroceranno la prima volta.
Hanno un passato difficile alle spalle, il loro amore sarà sottoposto a prove enormi. Riusciranno a

superarle e stare insieme oppure sarà più forte il fardello del loro passato?

Adesso direi di passare a parlarvi un pochino di questo autore che io ho avuto modo di leggere già in passato per altre collaborazioni.




Demetrio Verbaro nasce a Reggio Calabria il 14/12/1981. È padre di tre
figli: Thomas, Riccardo e Dorian. Curioso e appassionato, si cimenta in
diversi campi: scrittura, teatro, calcio, cinema e televisione. Dal suo
romanzo d’esordio “Il carico della formica” è stato tratto l’omonimo
cortometraggio che lo vede impegnato come attore e sceneggiatore,
partecipa a numerose trasmissione televisive, diventando uno dei campioni

di Caduta Libera il programma di canale 5 condotto da Gerry Scotti.




Non mi resta che lasciarvi alcuni estratti del libro così da farvi capire che sicuramente è un libro che merita la lettura e perfetto in questo periodo sotto l'ombrellone.

ESTRATTI

Dovevamo proprio volerci bene, bastava stare insieme per essere felici, pensò sentendo un macigno sopra
il cuore. Come ho potuto dimenticarla? Sono un mostro! lacrime d’angoscia scivolarono dai suoi occhi,
bruciandoli di sensi di colpa.
Ripose tutte le foto tranne una, la sua preferita: lei e Jess in una giostra a Coney Island. Rebecca
abbracciava da dietro la sorella, sedute entrambe sopra un cavallo bianco dalla sella 77 blu. i loro capelli
fluttuavano liberi, gli occhi erano colorati di luce, i visi illuminati di gioia, le risate spargevano l’aria di magia.
Mi dispiace, non posso aiutarti, si ritrovò a pensare Rebecca all’improvviso, ricordando qualcosa
d’indistinto che la trafisse con l’intensità di un raggio di sole. la voce della sorella rimbombò nella sua testa:
“Rebecca, salvami, ti prego” fino a diventare urla strazianti: “Salvami! Salvami!”
********************************
il passato:
è un mostro che si mimetizza per attirarti a sé e imprigionarti per sempre tra le sue grinfie,
è un angelo travestito da diavolo, 176 è una bella donna che non sa fare l’amore,
è una lacrima celata dietro un finto sorriso,
è la casa di dolci che nasconde la strega,
è il paese dei balocchi che ti trasforma in un asino,
è Pennywise che prende la forma di un clown che ti regala un palloncino con il sorriso.

***********
In quel bagno dalle mattonelle slavate, con delle mutandine “contaminate” nel secchio della spazzatura,
sedute sopra un tappetino di spugna, una madre e una figlia stavano abbracciate. la madre l’aveva appena
picchiata. la figlia perdeva sangue dal naso. la madre piangeva. la figlia la consolava.
********************************
E alla fine, durante le ore più buie e silenziose di una notte scura, i demoni tanto invocati, i fantasmi più
volte richiamati fiutarono la loro preda e come arpie voraci dagli artigli acuminati si lanciarono su di essa
per sbrindellarne la carne, scuoiarne la pelle e lasciare solo cenere e dolore e devastazione.

venerdì 15 maggio 2020

SEGNALAZIONE: Layla di Massimo Piccolo

Buon pomeriggio readers, oggi voglio parlarvi dell'ultimo libro che ho ricevuto e che sto iniziando a leggere.

Il libro è "Layla" di Massimo Piccolo edito da Cuzzolin Editore che ringrazio per la collaborazione.

LAYLA LIBRO DI MASSIMO PICCOLO

DATI

TITOLO: Layla
AUTORE: Massimo Piccolo
CASA EDITRICE: Cuzzolin Editore
LINK: CLICCA QUI

SINOSSI


In una Napoli vera e contemporanea (lontana dal folclore o dal racconto di Gomorra), nel normale scorrere

delle giornate di cinque ragazzi, tra passioni, desideri e i naturali intoppi del diventare adulti, si insinua una

realtà fatta di misteri e accadimenti inspiegabili e spaventosi.


Chi è Layla e quali segreti nasconde? E chi si cela dietro il personaggio de la sposa, una sacerdotessa

amorevole che ha saputo decifrare i mille indizi che la città conserva (ora in una cappella chiusa del Duomo,

ora in un dipinto, ora nelle fattezze di una Madonna col Melograno) o una spietata dispensatrice di morte?


E Gabriel, mente brillante e razionale immune anche al più piccolo tentennamento, che già a cinque anni ai

cartoni animati preferiva i programmi di Piero e Alberto Angela (e socio del Cicap a dodici), riuscirà a

interrompere quanto di drammatico e incomprensibile sembra destinato a succedere?