domenica 13 agosto 2017

Recensione: “ #Formentera14 di Gabriele Parpiglia

Buongiorno e buona Domenica readers, oggi vi voglio parlare di cosa penso di “#Formentera14“ di Gabriele Parpiglia edito dalla Mondadori.


Titolo: #Formentere14
Autore: Gabriele Parpiglia
Genere: Narrativa
Pagine: 276
Data di uscita: 23 Maggio 2017
CasaEditrice: Mondadori

Prezzo: 16,90€
Link Acquisto: CliccaQui

Sinossi
Baleari: Formentera. Il sole si spegne, ma ma del tutto, al Big Sur e si addormenta, ma mai del tutto, dall’altra parte del mare. Le stradine sterrate sono punteggiate dagli scooter colorati dei ragazzi che percorrono in un incessante andirivieni i diciassette chilometri su cui si estende la “Isla”, trasformandola in un vortice di spensieratezza in continuo movimento. Formentera è la meta dell’estate dei due protagonisti: Giacomo, detto Jack, e Gloria. Lui, nato al Sud, in un paesino di poche anime è venuto a Milano senza un sogno, senza un vero
obiettivo, mantenuto a fatica dai genitori che hanno rinunciato a vivere per costruire un futuro al figlio. Ma Jack non sa cosa sia il futuro. Però ha altre doti: è furbo, veloce, scaltro, conquistatore. Mente bene sapendo di mentire. Un bugiardo che incredibilmente sa farsi amare. Gloria invece è l’amore puro, l’amore in tutte
le sue forme. Famiglia borghese all’apparenza sana, lei sana davvero nell’autenticità dei suoi profondi sentimenti.

I due si incontrano a Milano, all’università, e si innamorano. Per lei lui è la prima volta, per lui lei è l’opportunità della vita. Come tra i rami dell’albero degli innamorati vicino a Cap de Barbaria a Formentera che decreta l’autenticità di un amore, anche nelle pagine del romanzo tutto accade “non” per caso: lo sliding doors sarà al centro di ogni capitolo fino al capovolgimento finale, dove tutto verrà rimesso in discussione. Forse se l’orecchio di lui non avesse abbandonato la guancia di lei, questo romanzo, no, non si sarebbe mai potuto scrivere. E allora, quattrodici anni dopo quell’estate che ha sconvolto la vita di tutti, che ne è di Jack? E di Gloria? La verità è nascosta nell’isola. In terra e in cielo.

Recensione
Miei cari readers, inizio dicendovi che il libro è scritto molto bene, ovviamente come sappiamo tutti, Gabriele Parpiglia ha un ottima padronanza dell'italiano, e nel libro traspare il suo stile semplice ma diretto, che rende la lettura scorrevole, mai pesante e soprattutto interessante a tal punto di tenerti incollato alle pagine, senza voler mai smettere per tornare alla vita reale.
Questo libro non è solamente una semplice storia d'amore, banale e scontata, a mio avviso tra le righe troviamo molto di più, come anche il semplice riferimento a Formentera;
Credo che sia una figura, usata per raffigurare un posto del cuore, dove abbiamo i nostri ricordi più belli, e ammettiamolo...tutti noi abbiamo un posto così, dove magari abbiamo trascorso l'estati della nostra vita.
La mia è Ponza, dove sono cresciuta e dove ho i ricordi del primo amore, del grande amore finito male e tante prime esperienze, mentre lo leggevo io sinceramente immaginavo il mio posto e mi sono ritrovata in tante cose.
Non vi voglio svelare i dettagli della storia per non rovinarvi questa meravigliosa lettura, ma posso dirvi che si parla di una storia d' amore, mi raccomando non fermatevi a questo, pensando al solito romanzo d'amore, perchè Parpiglia ha dato pagina dopo pagina ritmo alla storia, grazie al suo stile di scrittura, evitando quindi di cadere nel banale e nel monotono, anzi ti tiene incollato alle pagine.
In questo libro si parla di una storia d'amore, lui e lei...lei è quell'amore che capita una volta sola nella vita, ma che spesso non siamo in gradi di tenerci, personalmente mi sono rivista in questa storia, nel bene e sfortunatamente anche nel male, mi sono fatta trasportare ed emozionare, mentre lo leggevo, me lo immaginavo davanti a me, come fosse un vero e proprio film ( consiglierei di farcelo perchè verrebbe fuori una cosa molto carina hahah)

Personalmente, credo che Parpiglia non volesse scrivere un grande classico, ma un bel romanzo scritto bene e piacevole, da gustare sotto l'ombrellone per staccare la spina e sognare un pochino, in compagnia di Jack e Gloria.
Nel suo intento, secondo me ci è riuscito in pieno, infatti ve lo consiglio assolutamente...ora che partite per le vacanze, questo è il libro giusto per voi, al suo interno trovi gioie,dolori, amore e rabbia, è un bel mix esplosivo per farvi rilassare, e staccare la spina dalla vita di sempre ma anche per emozionarvi!

Non mi resta che augurarvi BUONA LETTURA!!




sabato 5 agosto 2017

Segnalazione: “La nuova fenice“ di Martina Rotelli

Buon pomeriggio readers, oggi vi voglio segnalare "La nuova fenice" di Martina Rotelli edito dalla Booksprinti Edizioni e che trovo molto interessante.


Titolo: La nuova fenice
Autore: Martina Rotelli
Casa Editrice: booksprint edizioni
Pagine: 262
ISBN : 9788868886387
Prezzo: 19,20 euro
LinkAcquisto: CliccaQui

Sinossi
Sarha è una ragazza diversa da tutte le altre. Ha lunghi capelli corvini con una ciocca rossa sulla frangia, un bracciale che non può togliere e che racchiude molti segreti, e un grandissimo dono che le ha sconvolto la vita: manipolare il fuoco. Ma più che un dono a Sarha pare una maledizione. Infatti le sue coetanee la vedono come un mostro e lei stessa sente una continua inquietudine crescere dentro di sé. Inoltre il desiderio di scoprire il proprio passato è forte e Sarha è determinata a farlo. Un giorno incontra Ron Jess, uno strano uomo che pare provenire direttamente da un’altra epoca e un altro tempo, e che le dice di aver conosciuto i suoi veri genitori e di sapere la verità sul suo bracciale, il bracciale della Fenice. Sarha decide di fidarsi di lui e scopre di provenire da un altro mondo, ossia il magico mondo di Chivalon. Chivalon è abitato da creature fatate e dall’antica magia ma ha un disperato bisogno di essere salvato, poiché una terribile minaccia incombe su di esso e Sarha è l’unica che può sconfiggerla. Nella sua missione però la ragazza sarà aiutata da personaggi che sembrano incarnare gli aspetti più profondi dell’essere: Nico, il principe mezzo-uomo e mezzo-pesce caratterizzato dalla temerarietà tipica dell'adolescenza e dalla forza incredibile; Sheila, la principessa degli Elfi, viziata ed egocentrica ma terribilmente fragile; Tintin, il folletto dispettoso ed ingenuo e Vestegrigia, il mago anziano e pasticcione. Tutti loro saranno messi alla prova non solo dai reali mostri che dovranno affrontare, ma anche dai sentimenti e dalle emozioni della loro anima, perché il viaggio per conoscere se stessi è il più lungo e faticoso.



Autrice
Nata a Roma il 30 Aprile 1989, ma cresciuta ad Anzio. Oggi vive a Nettuno. Ha frequentato il Liceo scientifico e dopo il diploma si è sposata ed ha avuto una bellissima bambina di nome Aurora, che oggi ha sei anni. Ha scritto la prima bozza del suo libro a diciassette anni e da allora sogna di vederlo sullo scaffale di una libreria. Ora, avendo di nuovo del tempo per se stessa, si è quindi iscritta all’Università alla facoltà di fisioterapia.